REGOLE

Fatti i cazzi tuoi è la n. 1, riassumo
Tra pony, cani e papponi impari a non giudicare nessuno
Il vero dritto tira dritto e tace
Impara quando parlare, all'occorrenza è loquace
In pace è la seconda, non fare lo scemo
Sai mai chi ti tocca e se tocca ogni uomo è un guerriero
Con la bocca ogni uomo è un guerriero
Mr. Nocca, vai a knockout col primo serio
N. 3 è fatta apposta per te che sei un infame
Se senti bussare non è che c'è posta per te
Con gli sbirri non si parla perché
Prendono cash perché resti tutto com'è
E si prosegue con la quarta
So che al cuore non si comanda
Ma frà, non dico che ogni donna sia un'arpia
Ma non dirle cose che non vuoi che si sappiano
Regola cinque, finché campi, noi insegnanti
La ragione è di chi vince
Il gioco è imporre al mondo il proprio modo
Perciò l'ignoro, frà la ragione è di chi vince
Sei, ehi, io do solo le regole
Non aspettarti che gli altri lo facciano, ma tu seguile
In quartiere ogni legge è debole, anch'io ho le regole
E dico le mie senza remore
Nessuno dà niente per niente, regola sette
Imparalo presto, il compromesso è onnipresente
Fai il panettiere e alle panette frà ti vendi sempre
Tienilo a mente mentre valuti le offerte
E occhio a non restarci sotto
In ogni gruppo ce n'è uno e gli altri che lo sfottono
Se spingi troppo la testa si svita dal tronco
Io tengo tutto sotto controllo, questa era la otto

[Hook] (x4)
Regole di strada che hai infranto
Regole di gioco che hai cambiato in un momento

Ci si teneva su uno con l'altro, amalgama d'asfalto
Nelle vene fuoco, dentro al cuore l'inferno
Non c'era inverno che gelasse abbastanza
Perché l'eccesso di violenza riscaldava la stanza
E abbiam provato a fuggire, soli oppure insieme
Senza capire quale fosse il senso delle pene
Non bastava bere, stare bene stando male
Da arrivare al punto di pensare fosse tutto da rifare
Il bicchiere era lo stesso, stessa donna per lo stesso
Sesso, nel fiutare infami stesso sesto senso
E spesso si dormiva sotto lo stesso tetto
Discutendo di paure e di...
Regole di strada che hai infranto
Ho visto il Sole scendere alle mie spalle e poi risplendermi davanti
In giorni infami in cui non c'eran contanti
Ho visto te dare addosso a me per soldi
Fino a quando ti ho reso tanti colpi
Tanti quanti i torti che mi hai fatto
E ora i secondi diventano istanti
L'odio è forte anche se da distanti
Amico mio, continuerò ad odiarti
Niente di male, niente di personale
Ma un infame resta infame
E in quanto tale non ti posso amare
Rimane il nome, un solo colpo nel caricatore
Il danno al codice d'onore, un furto alla passione
Alla passione, sì, ma resta tensione
Pressione, azione, restano...

[Hook]

fuente: musica.com

Marracash

Ficha de la Canción

Título:
REGOLE

Grupo/Cantante:
MARRACASH

Letra añadida por:
Tuzone

Top Letras de Marracash

1. Letra de Dalle Palazzine
2. Letra de La Danza della Pioggia
3. Letra de Mattoni
4. Letra de Quando Sarò Morto...
5. Letra de Relaxxx
6. Letra de Benvenuti nella Giungla
7. Letra de Bentornato
Ver todas las letras de Marracash