Schiele, Lei, Me del álbum 'Senza peso'

Schiele, Lei, Me

Marlene Kuntz

La canción 'Schiele, Lei, Me' se estrenó en 2003. Este tema está incluido dentro del disco Senza peso

Al final de la letra podrás puntuar su calidad, comentar sobre ella, acceder a más canciones de Marlene Kuntz y a música relacionada.

LETRA

Schiele, calma sensuale e lei,
come stregata
da un corpo scheletrito,
che posa ai suoi occhi con colpa fiaccata.

Scalda l'ambiente un camino,
che ha un fuoco sinuoso
e che volteggia senza peso
dove i suoi piedi stanno molli e a riposo.

Entro in quello che vedo
e la penso rivolta verso di me,
per un istante.
"Vedi lo stesso disegno?"
le chiedo giocando a far l'altro e non me.

Guado quel suo guardare
quell'uomo confuso
e sono voluttuosi
quei suoi pensieri che le oscurano il viso.

Mi chiedo se lei sa
che dietro la sua schiena abbronzata
c'è un tale scheletrito
in questo Hotel muto in questa muta vallata.

Entro in quello che vedo
e la penso rivolta verso di me,
"Vedi lo stesso disegno?"
le chiedo giocando a far l'altro e non me.

A far l'altro e non me

Más abajo podrás valorar y comentar la canción Schiele, Lei, Me.
disquito - musica.com

Puntuar 'Schiele, Lei, Me'

¿Qué te parece esta canción?

-
0 votos

* Gracias a Tiezok por haber añadido esta letra el 1/10/2008.

Comentar Letra

Comenta o pregunta lo que desees sobre Marlene Kuntz o 'Schiele, Lei, Me'

Comentar

Compartir esta letra en...