Don Raffaè

A67

Letra de la canción

Io mi chiamo Pasquale Cafiero
E son brigadiero del carcere, oje né'…
Io mi chiamo Cafiero Pasquale,
sto a poggioreale dal cinquantatrè…
e al centesimo catenaccio,
alla sera, mi sento uno straccio…
per fortuna che, al braccio speciale,
c'è un uomo geniale che parla con me!
Tutto il giorno con quattro infamoni,
briganti, papponi, cornuti e lacchè…
tutte ll'ore cu 'sta fetenzia
che sputa minacce e s''a piglia cu me…
ma, alla fine, mm'assetto papale…
mi sbottono e mi leggo 'o giurnale…
mi consiglio con Don Raffae',
mi dice che pensa e bevimmo 'o ccafè

Ah! Che bellu ccafè!…
Pure in carcere 'o ssanno fa…
Cu 'a ricetta che, a Cicerenella,
compagno di cella,
ci ha dato mammà!

Prima pagina: venti notizie
Ventuno ingiustizie… e lo stato che fa?
Si costerna, s'indigna, s'impegna…
Poi getta la spugna con gran dignità…
Mi scervello e m' asciugo la fronte,
per fortuna c'è chi mi risponde!
A quell'uomo sceltissimo, immenso,
io chiedo consenso… a Don Raffae'

Ah! Che bellu ccafè!…
Pure in carcere 'o ssanno fa…
Cu 'a ricetta che, a Cicerenella,
compagno di cella,
ci ha dato mammà!

A proposito 'sta mattina
Parlann cu' moglierema Titina
V'aggio pensat' pcchè tengo
Nu pensier' ca me rosica 'a cap'
Don Raffae' vuje ca sit stat'
O' rre 'e tutt' e prufessor'
'na cosa m'avisseva spiegà
pcchè 'a cap' s'è inceppat'
e nun sap che pensà'
ma com' maje o' napulitan'
cu' tant' prufessuri
ancora s'addà imparà?
Sarà 'a famm o 'a raggia
'e chi nun sap c'addà fa
Cu' 'sti fetient ca t'accattan'
C''a vocca e te vendon che fatt'
Però mi sa ca Napule
S'è abituat' a 'sta realtà
E allora cagnam' o' modo
'e sentì e o' modo 'e guardà

Ah! Che bellu ccafè!…
Pure in carcere 'o ssanno fa…
Cu 'a ricetta che, a Cicerenella,
compagno di cella,
ci ha dato mammà!
fuente: musica.com

Letra añadida por: Hector(Hip Hop) (#460)

Valora la calidad de la letra

Compartir 'Don Raffaè'

compartir en facebook
compartir en google plus
compartir en twitter
Enviar letra a un mail
Imprimir letra
ir a arriba