Disco 'Figli di nessuno' (2019) al que pertenece la canción 'Me’ nnamoravo de te'

Me’ nnamoravo de te

Fabrizio Moro

LETRA

Nasco negli anni 70, inizio col dire
C'era una volta una radio libera
Sempre accesa e raccontava ogni cosa
Musica, sport, scontri politici
Figli dei fiori, fatti e pacifici
Rubriche d'amore e poesie
Affari di Stato e antipatie
Fra operai e principali
Moralisti e intellettuali
San Pellegrino o Sanbittèr
Il compromesso di Berlinguer
Erano gli anni, gli anni 70
E finiva Carosello
I pensieri di Pasolini
Venivano offesi con un coltello
Io

Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te

Cresco negli anni 80, anni 80, anni 80, 80
L'Italia che vince il Mondiale
Assiste all'alba del nuovo Canale 5
6, 7, 8, l'alternanza in Parlamento
È in continuo aggiornamento
Non dà spazio al giuramento
'Per la patria lo farò'
L'ostinazione di un pensiero
Che non è rosso, non è nero
Difeso a volte senza vergogna
L'Italia che vota, che varca i confini
Si abbraccia in silenzio per Sandro Pertini
Io

Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te

Eccoli gli anni 90
E mentre in Germania è andato giù il muro
La mano pulita disegna il futuro
La terra che amiamo gioca a monopoli
Paga il pedaggio per Tangentopoli
C'è chi bisbiglia sotto i tappeti
Che esistono patti, patti segreti
Ne senti parlare ma poi non li vedi
Capi partito, capi famiglia
Si vogliono bene che è una meraviglia
Si giurano fede fino alla morte
E saltano in aria giudici e scorte
Io

Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te

Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te
Me' nnamoravo de te

Il progresso considera il sacrificio e l'amore
Il progresso che implica coraggio e dolore
Sposando la Patria si sposa l'ardore
Di un futuro pulito, di un'alba migliore
Venite ragazzi, venite bambini
L'Italia s'è desta fra santi e assassini
Appare cattiva, ladra e fallita
Ma è solo stuprata, confusa e impaurita

Comparte si te ha gustado